Scontrino parlante – Guida allo scontrino fiscale

Sempre più spesso nei concorsi a premio viene richiesto di inserire i dati dello scontrino fiscale parlante oppure di spedirlo per comprovare l’acquisto di un prodotto oppure per convalidare un premio vinto.

In quasi tutti i regolamenti viene indicata la terminologia “scontrino parlante” .

Ma che cosa sono gli scontrini parlanti? Che caratteristiche hanno? E se il nostro punto vendita di fiducia non lo emette come fare? Ecco alcune risposte in questa guida.

Come è fatto uno scontrino fiscale:

Lo scontrino fiscale ha la caratteristica di riportare informazioni essenziali sia sull’emissione sia sul negozio che lo ha rilasciato.

In particolare deve contenere i dati di identificazione del titolare dell’attività (intestazione, dati anagrafici), la partita iva e l’indirizzo, data, ora, numero progressivo e importo.

Inoltre deve anche contenere il “logotipo” fiscale ossia una sequenza alfa numerica preceduta dalla sigla MF.

Scontrino parlante: com’è fatto

Oltre ai dati che vi abbiamo riportato sopra, lo scontrino parlante deve specificare esattamente la tipologia, la quantità e la natura di cio’ che è stato acquistato. Nel caso delle farmacie e delle ricevute che servono per scaricare la spesa deve anche essere presente il codice fiscale dell’acquirente.

Esempio di scontrino NON PARLANTE:

Per comprendere meglio, uno scontrino “non parlante” è considerato uno scontrin generico in quanto non riporta nello specifico i prodotti acquistati.

Supponiamo che tu abbia acquistato 1 confezione di Acqua Frizzante Vera:

Uno scontrino generico riporterà questa voce:

  • Acqua Frizzante

Mentre uno scontrino parlante riporterà questa dicitura:

  • Acqua Frizzante Vera

Come puoi notare, nel secondo caso viene specificata la tipologia ed il marchio acquistato.

Questa tipologia di scontrino fiscale è molto importante in caso di partecipazione ai concorsi a premio (qui trovate una lista delle manifestazioni di questa tipologia) in quanto dimostra esattamente quale prodotto è stato comprato in modo da poterne comprovare l’acquisto.

Se rischiesto in un regolamento, è molto importante accertarsi che lo scontrino sia effettivamente parlante: in caso contrario, la vincita di un premio potrebbe essere invalidata.

Leggi anche: Cos’è e come funziona il QR-Code

In caso di scontrino non parlante:

Alcuni regolamenti non ritengono validi gli scontrini di questa tipologia, soprattutto se non sono nemmeno fiscali. Tuttavia molto spesso è sufficiente allegare le prove di acquisto ritagliate direttamente dalla confezione oppure i codici a barre dei prodotti comprati. In ogni caso sul regolamento integrale del singolo concorso troverete tutte le indicazioni necessarie.

Speriamo con questa breve guida di avervi fornito alcune indicazioni su come riconoscere gli scontrini parlanti, voi eravate a conoscenza di queste informazioni?

Scarica coupon e ricevi premi con questa App:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress spam blocked by CleanTalk.

Zara abbigliamento: lo shopping si fa online!

Catalogo Intimissimi: spese di spedizione dimezzate