Come risparmiare nell’illuminazione giardino

Con l’avvicinarsi della bella stagione predisporre i propri spazi verdi per potersi godere la fresca brezza delle serate estive è importante. Ma come creare ambienti perfettamente illuminati senza veder lievitare la bolletta? Vediamo insieme come risparmiare nell’illuminazione giardino.

Pubblicità

Risparmiare nell’illuminazione giardino scegliendo le luci LED

Sono senza dubbio la tecnologia del futuro, grazie alle enormi potenzialità che offrono in termini di durata, di efficienza e di risparmio energetico. Stiamo parlando delle luci LED. Sempre più utilizzate nella progettazione di impianti di illuminazione giardino, le lampade LED permettono di avere ambienti outdoor perfetti per serate in compagnia degli amici o per tranquille ore trascorse all’aperto con la famiglia.

Sostituire dei faretti alogeni con altri alimentati a LED permette di avere un risparmio economico dell’80%, mentre la maggiore durata nel tempo delle luci LED consente di risparmiare notevolmente sulle spese di manutenzione. Basta pensare che, mentre una lampada alogena può durare circa 20.000 ore, una a LED non richiederà alcun intervento per almeno 50.000 ore.

Pubblicità:

Scegliendo di illuminare il proprio giardino con luci LED si potrebbe arrivare ad avere un risparmio annuo di circa 110 euro, considerando di mantenere l’illuminazione notturna anche nei mesi in cui gli spazi outdoor non vengono utilizzati per assicurare comunque la sicurezza.

Come risparmiare nell'illuminazione giardino

Risparmiare nell’illuminazione giardino con le lampade solari

Zero costi di gestione, semplicità di installazione, impiego di energie pulite e rinnovabili ed un’illuminazione notturna perfetta sia nei mesi estivi che in quelli invernali. Sono queste le caratteristiche che invogliano moltissimi proprietari di case con giardino a scegliere le lampade solari per illuminare i loro spazi esterni. Indubbiamente se un giardino ha le necessarie caratteristiche questa è senza dubbio la soluzione più green ed economica. Occorre però accertarsi che i punti in cui andremo a posizionare le nostre lampade solari non abbiano lunghe ore di ombreggiamenti e che il giardino non sia esposto a nord, per evitare risultati finali deludenti.

Risparmiare nell’illuminazione giardino con gli impianti dimmerabili

Tante volte sentiamo parlare di sistemi di illuminazione dimmerabili, anche se forse non tutti sanno bene di cosa si tratti e quali potenzialità questi possano offrire in termini di risparmio energetico.

Si tratta di tutti quei sistemi illuminanti che prevedono la possibilità di regolare il loro flusso luminoso attraverso degli apparecchi (i dimmer appunto). Utilizzabili sia sulle lampade LED che su quelle alimentate da tecnologie più tradizionali, i dimmer possono essere programmati per abbassare l’intensità luminosa (e quindi i consumi) nelle ore in cui il giardino non viene utilizzato.

Potremmo così avere ambienti illuminati anche nelle ore notturne con consumi energetici ridotti. Una soluzione ottimale potrebbe essere, ad esempio, un impianto luci dimmerabile con rilevatore di presenze, che riporta il fascio luminoso alla massima intensità quando avverte il passaggio di persone. Sia i dimmer che i rilevatori di presenze fanno parte dei più moderni progetti di casa domotica, ovvero di una casa intelligente che può essere controllata attraverso l’impiego di pulsanti, interruttori o dispositivi smartphone dall’utilizzatore.