Come sostituire mobili ed elettrodomestici risparmiando

Hai in casa un vecchio elettrodomestico che inizia a dare qualche problema? O vuoi semplicemente sostituirlo con uno più efficiente dal punto di vista energetico e delle prestazioni? Qui troverai preziosi consigli per sostituirlo risparmiando.

Acquistare elettrodomestici a basso consumo energetico

Nel momento in cui ci accingiamo ad acquistare un nuovo elettrodomestico molto spesso ci rendiamo conto che quelli a basso consumo vengono proposti a prezzi maggiori. Il desiderio di risparmio potrebbe spingerci a scegliere quelli con una classe energetica peggiore, ma questa scelta potrebbe costarci davvero molto cara. Una stima sui consumi delle famiglie italiane ha infatti evidenziato che il 25% dell’energia consumata è dato dalla produzione di acqua calda ed illuminazione. Ne consegue che il 75% è invece dato dai consumi dei vari elettrodomestici.

Scegliere un frigorifero di classe energetica A++ comporterà un risparmio di energia del 50% rispetto ad uno in classe A.

Facendo due conti non è difficile comprendere quanto una lavatrice, una lavastoviglie o un forno in classe energetica più conveniente ripaghino molto più velocemente l’investimento iniziale.

Come riconoscere un elettrodomestico ad alta efficienza energetica

Distinguere un elettrodomestico ad alta resa energetica non è affatto difficile. Tutti gli apparecchi in vendita a partire da dicembre 2011, devono infatti portare apposta l’etichetta che indica chiaramente la classe di appartenenza.

Le diverse classi partono da A+++, riservata agli apparecchi ad altissima efficienza, per arrivare fino alla G, riservata agli elettrodomestici che consumano di più.

Ad aiutare il consumatore finale nell’individuazione dei consumi vi è anche un sistema basato sui colori. Si va dal verde scuro per quelli più efficienti al rosso, per quelli che ci faranno consumare molto di più.

Ricorda inoltre che puoi abbattere ulteriormente il costo della bolletta rispettando le fasce orarie di consumo elettrico.

Bonus elettrodomestici: un’agevolazione fiscale che può aumentare il risparmio

Già lo scorso anno l’Agenzia delle Entrate aveva previsto un’agevolazione fiscale per coloro che sostituivano i propri elettrodomestici durante lavori di ristrutturazione. Questa agevolazione è stata rinnovata anche per tutto il 2019 per cui è possibile sostituire il vecchio frigorifero o la lavatrice con uno nuovo ed avere un rimborso del 50% della spesa sostenuta, fino ad un massimo di 10.000 euro e da suddividere in 10 rate annuali di pari importo.

Per poterne beneficiare però è indispensabile che la sostituzione avvenga in seguito a lavori di ristrutturazione edilizia ed il pagamento venga effettuato con bonifico bancario o postale, oppure con carta di credito/debito.

Se stai effettuando lavori di ristrutturazione sicuramente questa è un’opportunità da prendere al volo. Se invece non hai in programma lavori investire in elettrodomestici ad alta efficienza energetica sarà comunque un modo di contribuire notevolmente ad abbassare la bolletta, oltre che in qualcosa che aiuta la salvaguardia del pianeta.