Spendere poco non (sempre) vuol dire risparmiare

Chi è sempre in cerca di risparmio esulta per ogni singolo centesimo mantenuto sul proprio conto corrente: ma non sempre spendere meno significa risparmiare. Perché? Ecco dei motivi validi che ti faranno riflettere.

Spendere poco: risparmio a discapito della qualità?

Mia nonna diceva sempre che a volte “chi spende poco, spende molto“. Questa frase mi ha sempre fatto riflettere in quanto, parlando di risparmio, non sempre pagare poco significa comprare qualcosa di qualità che durerà nel tempo. anzi! Spesso è vero l’esatto contrario!

Ad esempio, spendere poco per una borsa o un paio di scarpe, potrebbe significare acquistare un prodotto di scarsa fattura, destinato a rompersi e rovinarsi nel giro di qualche mese, costringendoci a comprarne uno nuovo. In questo modo ti sembrerà di aver risparmiato (al momento), ma poi ti renderai conto che avrai speso di più.

Con questo non voglio certo affermare che i prodotti più cari sono i migliori, ma solamente portare l’attenzione sul fatto che prima di comprare un articolo o un alimento dal prezzo stracciato, bisogna prestare attenzione alla qualità e alla durevolezza nel tempo. Non vorrai comprarti certo una borsa o un paio di stivali al mese, no?

Ma a cosa, esattamente, bisogna fare attenzione? Quando il rapporto qualità prezzo è buono? Vediamolo insieme!

Spendere poco non (sempre) vuol dire risparmiare

4 cose che ti fanno capire se un prodotto che costa poco è di qualità

Il prezzo iniziale: se un prodotto è in promozione, in saldo oppure in offerta speciale, è obbligatorio che sul cartellino del prezzo, sia riportato il costo iniziale e la percentuale di sconto applicata. Controlla sempre questo dato in quanto rappresenta il primo elemento che ti farà capire se un prodotto che costa poco è di qualità o meno.

L’etichetta: l’etichetta di un capo dice moltissimo sulla sua qualità in quanto specifica il materiale di cui è composto e il luogo di produzione. Controlla sempre, prima di comprare qualcosa! Nel caso di acquisti online, la composizione e tutte le informazioni che normalmente si trovano sull’etichetta sono contenute nella descrizione del prodotto.

Il marchio: alcuni marchi sono sicuramente sinonimo di qualità, non solo per un fatto di pubblicità o altro, ma proprio perché i loro prodotti durano molto nel tempo e non si rovinano con facilità. Approfittando di promozioni, saldi e codici sconto puoi risparmiare sull’acquisto di un articolo rinomato, senza rinunciare alla qualità.

Ingredienti e formulazione: questo è un dato che riguarda in modo particolare alimentari e cosmetici. Quando compri un prodotto che costa poco, dai sempre uno sguardo alla lista degli ingredienti e all’INCI. A volte, infatti, il risparmio equivale ad una formulazione non proprio ottimale in cui sono stati utilizzate materie prime di bassa qualità.

Questi sono i principali 4 elementi di cui tenere conto quando si intende comprare un prodotto che costa poco, senza rinunciare necessariamente alla qualità. In questo modo risparmierai davvero in quanto ciò che hai acquistato sarà durevole, ben formulato e con il giusto rapporto qualità/prezzo.

Potrebbe interessarti anche:
Come riconoscere una banconota falsa
Ecco quanto valgono le lire rare
Carta igienica: come capire se è conveniente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *