Come riconoscere una banconota falsa

Piccole attività, compensi per lavoro svolto o anche il semplice resto del supermercato: sono molte le occasioni in cui riceviamo del denaro contante. Purtroppo, però, questo significa correre il rischio di ricevere, con cattiveria o meno da parte di chi ce le dà, delle banconote false. I tagli da 20€ e 50€ sono quelli più a rischio in quanto più facili da mettere in circolazione. Ti sei mai chiesta come fare per riconoscere le banconote false e come tutelarti? Ecco alcuni consigli!

Come riconoscere una banconota falsa

Come detto nell’introduzione le banconote da 20€ e 50€ sono quelle più contraffatte in quanto risultano più semplici da mettere in circolazione. Non è raro che, ad esempio, i 20€ falsi vengano spesso usati nei distributori automatici di benzina o sigarette. Il taglio da 50, invece, viene spesso usato in maniera truffaldina per i pagamenti più comuni come l’acquisto di tabacco, carburante, merci nei piccoli supermercati o per altri pagamenti.

Ma come distinguere una banconota vera da una falsa? Per quanto ben fatta, ci sono sempre alcuni segnali che ti permetteranno di dubitare della validità del denaro appena ricevuto. Vediamo quali sono.

  • Filigrana e dettagli controluce: la prima cosa da fare è quella di osservare la banconota in controluce per notare alcuni segni peculiari come la presenza della filigrana, posta al centro della banconota con un’alternanza di zone più chiare e zone più scure, raffigurante il “disegno”, che la caratterizza e il valore.
  • La striscia olografica: sul fronte della banconota è posto un riquadro o una striscia olografica che, muovendola, riproduce in maniera alternata il disegno e il suo valore. Questo è una delle caratteristiche degli euro più difficili da riprodurre.
  • Inchiostro cangiante: sulle banconote autentiche il valore è stampato con uno speciale inchiostro che cambia colore a seconda dell’inclinazione e della luce. Se, inclinando la banconota, il colore del numero non varia, la banconota è palesemente falsa.
  • Scritte in rilievo: alcune aree delle banconote sono impresse in rilievo per essere riconoscibili al tatto dai non vedenti. Questo è un altro dettaglio che raramente si riesce a riprodurre. La sua assenza, quindi, indica che il denaro non è autentico.
  • Lente di ingrandimento: infine, in caso di dubbio osserva la banconota ricevuta con una lente di ingrandimento in quanto nei tagli da 20€ e 50€ si possono notare delle scritte ben definite e nitide. Se sono sbavate oppure assenti, la banconota potrebbe essere falsa.

Altri segni a cui prestare attenzione e che identificano senza dubbio il denaro autentico sono: la presenza di alcuni dettagli stampati con inchiostro magnetico, la filigrana digitale, la presenza di alcune zone fluorescenti e ultraviolette, la presenza in controluce di un codice a barre e la validità del numero di serie.

Tutelarsi è possibile!

Purtroppo, la tecnologia utilizzata da coloro che mettono in circolazione euro falsi è sempre più avanzata e molto spesso ad occhio nudo risulta davvero difficile riconoscere il denaro vero da quello truffaldino.

Per fortuna, però, è possibile acquistare dei dispositivi di controllo delle banconote, che potrai utilizzare per tutelarti in tutte quelle situazioni in cui ricevi dei soldi. Si tratta di dispositivi aggiornati e che non occupano molto spazio. Puoi ordinarli comodamente online su Amazon, seguendo questo link trovi i più venduti.

Ricordati una cosa molto importante: in caso di dubbi sulla validità dei soldi ricevuti, hai tutto il diritto di rifiutare la banconota e di richiederne la sostituzione. Questo vale in ogni situazione: dal resto del supermercato, ai compensi più importanti.

Nostalgia delle vecchie lire?Ricevi in regalo il cofanetto celebrativo delle 500 lire

Come riconoscere una banconota falsa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *