Come risparmiare sul cenone di Capodanno

Capodanno è una delle occasioni preferite dagli italiani amanti della famiglia, del cibo e di quella strana magia che intercorre tra la fine di un anno e l’inizio di uno nuovo. In questa festività particolarmente sentita e ricca di buoni propositi, è tradizione mangiare tanto e bene.

Cosa mangiare a Capodanno

Per ideare un menù che permetta di risparmiare è necessario utilizzare un pizzico di furbizia.

In generale, è d’obbligo preparare lenticchie, cotechino e qualche piatto di pesce. La spesa degli alimenti potrebbe essere particolarmente dispendiosa, specialmente se ci sono tanti commensali.

Il consiglio è di acquistare il pesce in offerta qualche settimana prima e congelarlo in vista del cenone di Capodanno. I prezzi tendono infatti ad alzarsi eccessivamente in prossimità di questa festa, lasciando il portafogli vuoto e inconsolabile.

Per evitare di acquistare troppi pesci diversi, si può optare piuttosto per un paio di tipologie e utilizzarle per più pietanze. Ad esempio, la frittura di calamari è un piatto tipico dell’ultimo dell’anno ma optare per i totani è preferibile perché hanno un costo nettamente inferiore. Questi ultimi possono fungere anche da primo o secondo; nel primo caso è possibile sminuzzarli e utilizzarli per un ottimo risotto alla pescatora mentre nel secondo caso è consigliabile imbottirli con verdure e patate.

Il cotechino con le lenticchie è un altro piatto caratteristico del Capodanno, acquistare questi due ingredienti freschi potrebbe essere troppo costoso perciò è meglio optare per un cotechino già pronto (viene solitamente venduto già inscatolato e da riscaldare) e lenticchie precotte.

Come dolce è appropriato riciclare uno dei tanti pandori e panettoni che vengono serialmente accumulati in questo periodo, magari in versione elaborata come una millefoglie di pandoro o cestini di panettone con gelato alla vaniglia.

Cucina italiana: mangiare bene spendendo poco

Se non si sa ancora cosa mangiare a Capodanno, internet potrebbe essere l’opzione ideale per scoprire ricette curate ed economiche; esistono blog di cucina che valutano i prezzi di ciascun ingrediente e tirano una media complessiva di quanto si possa spendere.

In alternativa, per preparare un intero menù e spendere poco è necessario muoversi su terreni conosciuti ed è qui che la grande tradizione italiana viene in aiuto. Meglio lasciare da parte piatti esotici, spezie rare e combinazioni gourmet; nel cenone di Capodanno ci si vuole sedere e mangiare in compagnia dei propri affetti, con piatti genuini.

La cucina italiana offre una vasta scelta di ricette per spendere meno e la familiarità di questi prodotti rappresenta una preferenza per gli ospiti. Per lasciarli soddisfatti e pieni, meglio riempire meno i loro piatti e optare per un antipasto più ricco.

Il classico antipasto all’italiana con formaggi, salumi e aggiunta di qualche pasta sfoglia ripiena, è immancabile in un cenone a regola d’arte. Offrire un lauto antipasto permetterà di mangiare bene spendendo poco, basterà acquistare i prodotti in offerta (anche in sottovuoto) e aprirli all’occorrenza. In questo modo si potranno calare le dosi di primi e secondi, con un notevole risparmio.

Come risparmiare sul cibo ma senza esagerare

Esistono alcuni piccoli consigli per spendere meno, anche a Capodanno. La prima dritta è di fare una minuziosa lista della spesa, in modo da non acquistare prodotti in eccesso ed evitare le tentazioni. Armarsi di volantini dei vari supermercati, qualche giorno prima, è raccomandabile così da fare i relativi paragoni e capire quale sia il meno costoso. Se è possibile, fare due spese diverse in base ai relativi sconti così da massimizzare il risparmio.

Il secondo consiglio è evitare primizie o frutta e verdura proveniente da altri Paesi, prediligere piuttosto i prodotti a chilometro zero, i più buoni ed economici.

Acquistare un ananas a Natale è deleterio perché è completamente fuori stagione! Gli ortaggi dicembrini sono zucca, radicchio, carciofi, spinaci, finocchi, ravanelli, cavolfiore, broccoli e barbabietola.

Per quanto riguarda la frutta del mese, ben vengano gli acquisti di kiwi, arance, mele, pere, frutta secca, limoni e melograno. Comprando questi alimenti si riuscirà a spendere poco pur riempiendo la dispensa.

Per il Cenone di Capodanno di quest’anno, bandire una volta e per tutte i piatti e i bicchieri di plastica.

Scelta anti ecologica per eccellenza, gli italiani sono sedotti dall’idea di risparmiarsi la faticaccia di lavare le stoviglie grazie a questi prodotti usa e getta ma le recenti statistiche hanno rivelato che in questo modo spenderanno circa il 20% in più del normale.

La motivazione è semplice: c’è la tendenza a utilizzare in maniera spasmodica i bicchieri di plastica, dimenticandoli in un angolo del tavolo, distruggendoli in pochi minuti o utilizzandone di nuovi per semplice pigrizia. Imbandendo la tavola con bicchieri di vetro e piatti di ceramica, si riuscirà a dare un input positivo e a richiedere la massima attenzione nel loro utilizzo.