Vendere Tester di profumi: si può?

Navigando nel vasto oceano del Web, oggi mi sono imbattuta in una cosa che mi ha lasciato davvero molto perplessa. La vendita dei tester di profumi. È legale? Lo possono fare le profumerie?

Vendita tester di profumi: è legale?

Cercando aziende cosmetiche, mi sono imbattuta in e-commerce che si adoperano a vendere i Tester dei profumi con sconti che vanno dal 40 al 50% rispetto allo stesso identico prodotto venduto normalmente nel mercato cosmetico.

L’unica differenza nell’acquisto di un profumo “formato vendita”, ed un profumo Tester in vendita, sta nella confezione. I prodotti destinati all’uso come Tester hanno una confezione anonima.

Il prezzo rispetto all’originale, scende addirittura del 40-50%, ed i venditori assicurano che si tratta di confezioni originali e sigillate. Cercando nei motori di ricerca “vendere tester di profumi”, troverete moltissimi siti che praticano questo tipo di attività.

Il fatto per la quale scrivo questo articolo è: è legale fare questo? Vi sembra corretto vendere un Tester di profumo? Quello che mi ha stupito, è che a vendere questi prodotti siano non privati, ma bensì siti di vendita di profumi.

Continuando la ricerca, ho trovato qualche internauta che ha acquistato questi profumi, è che ha dichiarato di aver letto sulla scatola del profumo “Vietata la vendita“.

Vendere tester di profumi è illegale

Tralasciando il fatto che per molti potrebbe essere una “ghiotta” occasione di risparmio, è bene ricordate che se la vendita è vietata, anche l’acquisto è un reato. Quindi, ne desumo, che la vendita dei tester di profumi sia illegale anche perché, molto probabilmente, questi flaconi sono forniti dalle aziende per essere esposti e permettere agli utenti di provare, sulla propria pelle e in modo gratuito, la fragranza esposta.

Proprio in questi giorni, fra l’altro, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza oltre 8.000 “tester di profumi” pronti per essere messi in vendita, insieme ad altri prodotti cloni di famosi marchi realizzati con materiali di dubbia provenienza, che potrebbero causare allergie, irritazioni ed altri problemi.

Il mio consiglio? Piuttosto che comprare tester di profumi di dubbia provenienza (e che probabilmente sono stati aperti ed utilizzati da qualcuno) richiedi dei campioni omaggio alle aziende oppure, ancora, richiedili direttamente nella profumeria che frequenti abitualmente.

Unisciti al nostro gruppo Facebook e scopri altri consigli per risparmiare!