Economia domestica: risparmiare con i consigli delle nonne

Quando si tratta di economia domestica non si finisce mai di imparare: c’è sempre qualche trucchetto a cui non avevamo pensato che aiuta a risparmiare, non solo economicamente ma a volte anche tempo e fatica!

Risparmiare? I trucchi della nonna aiutano!

Oggi invece di scoprire nuovi trucchetti ci voltiamo indietro per rispolverare un pò quei vecchi trucchi per risparmiare usati dalla nonna. Sono astuzie che sorprendono per la loro semplicità e facilità, magari già li conoscete ma meritano di essere menzionati!

L’arte del’economia domestica infatti è una tecnica che si acquisisce negli anni, rispolverando i consigli ed i suggerimenti delle nostre mamme delle nostre nonne, che ne hanno fatto un prezioso stile di vita che anche noi dovremmo imparare. Non solo per risparmiare, ma anche per semplificarci la vita con alcuni piccoli trucchetti che tutti possiamo mettere in atto.

Immaginate di preparare la pasta: aspettate i minuti necessari per poi scolare i vostri fusilli, maccheroni o chi è di turno. Fatto? Sbagliato! Non buttate via l’acqua perché potreste riutilizzarla per altro. Ne vogliamo parlare? Potreste riempire il lavello con l’acqua e lasciare immersi gli stessi piatti con cui avete mangiato la pasta, l’amido contenuto nell’acqua contribuirà a farli brillare tirando via l’unto!

L’acqua della pasta può anche essere un utile ingrediente nella cucina: si può utilizzare per allungare una salsa che deve ancora cuocere, per bollire le verdure e fare la “zuppa con l’ingrediente segreto” e addirittura per aggiungerla alla farina quando prepariamo i nostri impasti per pizze e focacce. Il lievito metabolizzerà l’amido contenuto migliorandone la resa.

Non trovate anche voi che siano utili suggerimenti per risparmiare tempo e denaro?

economia domestica

Da non buttare nemmeno l’acqua delle verdure perché è ottima per irrigare le piante o come base per cucinare un risotto. In particolare quella delle patate può essere utilizzata per pulire i vestiti o l’argenteria. Posta sugli occhi aiuta ad attenuare le occhiaie ed i gonfiori nel contorno occhi, ed è un toccasana contro le scottature.

Le bucce di mela bruciate emanano un’essenza che copre i cattivi odori, così come quelle delle arance e dei limoni che tengono lontani anche gli insetti. Queste ultime possono essere utilizzate pure nella preparazione di dolci, per aromatizzare il sale o l’olio e per preparare il limoncello. Sono utili anche nella pulizia del rame e dei fornelli.

Mia nonna buttava via il limone già spremuto, solo dopo averlo usato per pulire i fornelli della cucina: li immergeva insieme aggiungendo un pò di acqua calda e lasciava agire un pò di tempo. I suoi fornelli sembravano sempre nuovi!

Il limone ha proprietà antibatteriche, quindi ben venga il suo riutilizzo nella pulizia in generale! L’interno bianco delle bucce di banana è utile per lucidare la pelle delle scarpe o delle borse. E per puro divertimento, con la buccia di mezzo mandarino e un pò di olio si possono creare delle suggestive candele. Se non l’avete mai fatto,  è una cosa che dovete provare! 😀

Dalla cucina passiamo al bagno. E’ ora di cambiare lo spazzolino? Non buttate quello vecchio perché, senza allontanarci troppo, potremmo utilizzarlo per lavare meglio le nostre unghia e prepararle alla manicure. Lo spazzolino comunque si presta benissimo per tutti i tipi di pulizia che vi vengono in mente, anche per sfregare le macchie sui vestiti quando li pretrattiamo.

E visto che si parla di vestiti, andiamo nell’armadio per trovare quelli in disuso. Questi possono essere destinati all’utilizzo come stracci per i pavimenti. I maglioni in lana per esempio faranno splendere la cera! Mia nonna li trasformava in borse per contenere i gomitoli di cotone, ma anche in salsicciotti da mettere sul davanzale della finestra contro il freddo. Bastano un pò di manualità e fantasia!

E rimanendo sui vestiti, provate ad utilizzare i collant rotti per spolverare. La loro carica elettrostatica attira la polvere come i moderni panni. Se accuratamente puliti, sono utili per filtrare o, riempiti con lavanda, possono profumare i nostri cassetti.

Abbiamo fatto solo un piccolo tour, ci sono ancora tanti segreti usati dalle nostre nonne e forse alcuni non sono stati ancora svelati.

Vogliamo salvaguardare la saggezza delle nostre nonne. Vi andrebbe di condividere insieme i loro trucchi per risparmiare?

Potrebbe piacerti anche: Come riciclare gli smalti che non ci piacciono più

Scarica coupon e ricevi premi con questa App:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress spam blocked by CleanTalk.
carburante bio

Il carburante a solo 0,40 centesimi al Litro non sarà più un sogno

Vinci-un-bracciale-2Jewels-Urban-Collection_full

Vinci un bracciale 2Jewels Urban Collection con Cosmopolitan