Amigurumi bambole: schemi uncinetto gratuiti

Molti di voi avranno visto e sentito parlare delle famose Amigurumi bambole: delle bamboline tridimensionali più o meno grandi realizzate con un certosino lavoro di uncinetto. Da dove proviene questo nome? Come si realizzano? Ecco per voi alcuni schemi per l’uncinetto gratuiti per realizzarle e qualche curiosità sulla loro origine.

Pubblicità

Cos’è una bambola Amigurumi:

Queste simpatiche creazioni erano nate inizialmente come giocattolo per bambini e come amuleti per la casa.La parola Amigurumi in giapponese vuol dire proprio “uncinetto” oppure “maglia” e anche se è un’arte relativamente recente nella storia nipponica, vengono già prodotte da centinaia di anni. Inizialmente erano delle miniature non proporzionate: avevano infatti la testa molto più grande rispetto al corpo e raffiguravano non solo bamboline ma anche animali.

Oggi sono diventate più grandi, complicate e in occidente è diventata una passione per tutte coloro che amano mettersi alla prova con l’uncinetto e che ne abbiano una buona dimestichezza.

Schemi uncinetto gratis per le Amigurumi bambole:

Pubblicità:

Per fortuna sono molti i siti che offrono gli schemi per uncinetto gratuiti che serviranno ad aiutarvi nella realizzazione di queste simpatiche miniature. Ce ne sono di diverso tipo: grandi, piccole, molto fedeli alle originali nipponiche e per ogni gusto. Ecco un piccolo elenco di quello che abbiamo trovato nella rete per voi!

  • Ti potrebbero interessare anche: Realizzare pasticcini di vestiti

In questo blog interamente dedicato a queste creazioni trovate tantissimi schemi gratuiti per realizzare bambole giganti, gufi, stelline e altri simpatici lavoretti.

Qui invece troverete tutte le istruzioni sia in inglese che in italiano per realizzarne di diverse tipologie, tutte simpatiche e ideali per un regalino! Ne potete anche realizzare uno divertente a forma di cactus seguendo le istruzioni riportate in questo sito.

E voi, avete la passione dell’uncinetto? Vi piacciono le Amigurumi bambole? Non resta che augurare buona ” sferruzzata” a tutti!