Come recuperare i soldi delle vacanze

Vacanze gratis con le stanze in affitto

Tendenza in voga già da qualche anno grazie alla comparsa di numerosi siti per gli affitti di case vacanze, quella di affittare casa per brevi periodi si sta trasformando in una vera e propria soluzione per ripagare del tutto o almeno in parte la spesa sostenuta per andare in vacanza.

Dopo un anno di lavoro lungo e faticoso la maggior parte delle persone ha come obiettivo principale per l’estate l’organizzazione di una vacanza da sogno, possibilmente di lungo periodo, che però spesso risulta in un esborso considerevole.

Qual è allora la soluzione ideale per evitare che la vacanza pesi eccessivamente sul bilancio familiare? Affittare la casa per brevi periodi! Durante il periodo di assenza dalla propria abitazione, o in caso di possesso di una seconda casa, è possibile infatti mettere alcune stanze o l’intera abitazione in affitto a persone che intendo trascorrere del tempo nella propria città.

Si tratta di un’attività che in genere richiede l’utilizzo di siti specializzati per mettere d’accordo chi affitta e chi prende in affitto l’abitazione, ma in assenza di suddetti siti specializzati è possibile anche sfruttare le opportunità offerte dai numerosi siti di annunci o dal passaparola. La prima cosa da fare quando si è alla ricerca di spunti su come affittare casa per le vacanze è avere sotto mano tutte le informazioni necessarie per poter partire tranquilli lasciando la propria dimora in mani sicure.

Come affittare casa: le regole da rispettare

Prima ancora di pubblicare un annuncio su un sito preposto o su un sito specializzato nelle stanze in affitto è necessario assicurarsi che il comune di residenza permetta l’affitto della proprietà residenziale; per saperlo è sufficiente controllare il regolamento sul sito del proprio comune di residenza o recarsi direttamente agli sportelli comunali a disposizione dei cittadini.

Un altro dettaglio di cui tener conto prima di mettere in affitto la propria casa è stipulare, a meno di non averne già una a disposizione, un’assicurazione sulla casa e sui beni in essa contenuti, allo scopo di proteggersi da eventuali danni causati dall’affittuario.

Oltre all’assicurazione sulla casa e sui beni può rivelarsi utile prendere in considerazione una copertura assicurativa per responsabilità civile, essenziale nel caso in cui l’affittuario abbia un incidente domestico all’interno della propria abitazione.

Arrivati a questo punto è il momento di decidere cosa lasciare all’interno dell’abitazione e cosa invece spostare in altre sistemazioni non accessibili all’affittuario, come ad esempio la cantina, il garage o un deposito esterno; chi ne ha la possibilità può anche sostituire alcune parti del mobilio, come ad esempio gli arredamenti più preziosi, con soluzioni alternative di basso costo.

Questo significa anche portare via con sé gli oggetti di valore, come ad esempio eventuali dispositivi tecnologici di pregio e gioielli, così da scongiurare ogni possibilità di furto da parte di chi prende in affitto l’abitazione.

Le ultime cose da fare prima di pubblicare l’annuncio per affittare la casa per brevi periodi è controllare che tutti gli impianti siano funzionanti, effettuare delle pulizie accurate, magari affidandosi ad un’impresa specializzata, ed infine lasciare agli affittuari una serie di contatti ai quali rivolgersi in caso di malfunzionamenti e guasti.

Come recuperare i soldi delle vacanze

Il lato economico delle stanze in affitto

Fino ad ora si sono affrontati i risvolti pratici su come affittare casa, ma è importante anche sottolineare quelli che sono gli elementi economici dell’affitto di una casa per il periodo delle vacanze.

Dal punto di vista economico chi affitta deve innanzitutto richiedere all’affittuario una cauzione, il versamento di una somma in denaro per tutelarsi in caso di danni provocati dagli occupanti o in caso di cancellazione della prenotazione all’ultimo minuti.

Un consiglio è anche quello di effettuare un pagamento anticipato delle utenze, possibilmente attraverso l’addebito diretto sul conto corrente o per mezzo di soluzioni online, così da evitare la posta tradizionale, ritardi e mancati pagamenti. Tutti questi elementi possono essere annotati in una sorta di registro contabile, che sarà particolarmente utile al momento della dichiarazione dei redditi.

Pur trattandosi di un fenomeno molto diffuso all’estero, anche in Italia negli ultimi tempi sta crescendo il numero di persone che prima di mettere in affitto la propria casa effettuano una ricerca online sull’affittuario.

Se da una parte all’estero esistono siti specializzati in questo tipo di ricerca, dall’altra in Italia tale ricerca si basa solitamente sulle informazioni reperibili nei più famosi servizi di social media.

Tutti questi sono consigli preziosi che permettono non solo di affittare la propria abitazione in tutta tranquillità, ma che consentono anche di avere un ritorno economico talmente significativo da ripagare una propria vacanza o fare delle vacanze gratis. Seguirli eviterà eventuali problemi che potrebbero sorgere durante il soggiorno dell’affittuario, non solo in caso di affittuari italiani, ma anche e soprattutto nel caso di affittuari stranieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *