Fonti di energia rinnovabile: il fotovoltaico

Produrre energia sfruttando la luce del sole è una soluzione green che permette di utilizzare energie rinnovabili. Con i pannelli fotovoltaici infatti, è possibile produrre l’energia in modo autonomo, azzerare i costi relativi ai consumi e fare qualcosa di concreto per l’ambiente. Vediamo insieme quali sono le caratteristiche del fotovoltaico.

Pubblicità

Pannelli fotovoltaici: cosa sono e come funzionano

I pannelli fotovoltaici sono dei moduli realizzati con celle di silicio che, dopo aver subito speciali trattamenti, sono in grado di catturare la luce del sole e trasformarla in energia elettrica. Con i pannelli fotovoltaici è possibile quindi ridurre le emissioni di anidride carbonica nell’aria ed azzerare completamente i consumi.

Ovviamente per poter dare i massimi benefici un impianto fotovoltaico dovrà essere installato in luoghi molto soleggiati. Un tetto sul quale il sole arriva solo poche ore al giorno porterebbe a risultati diversi da quelli auspicati.

Pubblicità:

Ma quanto costa realizzare un impianto fotovoltaico? I costi che ancora risultano essere abbastanza alti sono forse la causa principale della sua scarsa popolarità. Sebbene infatti oggi sia molto più frequente vederli installati, sono ancora molte le persone che desistono dal fare un impianto fotovoltaico proprio a causa dell’esborso iniziale piuttosto gravoso. Ma è davvero così? O forse i tanti vantaggi che sono in grado di offrire consentono di avere un rapido ritorno dell’investimento

Tutti i vantaggi del fotovoltaico

Realizzare un impianto fotovoltaico significa avere una fonte di energia che non danneggia l’ambiente. Le emissioni di Co2 nell’aria infatti risultano essere notevolmente ridotte rispetto a quelle emesse con le fonti di energia tradizionali.

Oltre ad azzerare i costi sui consumi di energia elettrica, un impianto fotovoltaico consente di ottenere un guadagno da quella prodotta. L’energia che risulta in eccedenza rispetto ai fabbisogni familiari infatti, può essere ceduta ad ENEL o ad altre compagnie elettriche, che pagheranno un prezzo prestabilito per poterla sfruttare.

Il costo sostenuto per la realizzazione di un impianto fotovoltaico può essere detratto dalla propria dichiarazione dei redditi. Oltre a pagare un’aliquota IVA inferiore infatti, sarà possibile recuperare fino al 50% della spesa complessivamente sostenuta.

Se ad esempio per realizzare un impianto fotovoltaico spendiamo in tutto € 5.000, potremo recuperare € 2.500 in sede di dichiarazione dei redditi, con 10 rate annuali costanti. Ne consegue che in 5/6 anni una famiglia con un consumo medio avrà ripagato l’intero impianto solo con il risparmio sulle bollette.

Se consideriamo che la vita media dei pannelli è di circa 30 anni, il risparmio che consentono di avere assume dimensioni davvero notevoli.