Come riutilizzare le bucce di carota


Riciclare gli scarti alimentari è il primo passo verso il risparmio. Moltissimi avanzi possono trovare nuova vita, consentendoti di spendere meno e di aiutare l’ambiente. Oggi vedremo insieme come riutilizzare le bucce di carota.

Bucce di carota: riutilizzale così!

Le bucce, gli steli e le foglie delle carote sono commestibili e possono essere utilizzati per preparare frullati, infusi e sciroppi ideali per curare afte, geloni, pelle screpolata, debolezza, tosse e per un’azione detox per tutto l’organismo.

La quantità di vitamina A presente nelle bucce le rende perfette come ingrediente per una maschera viso naturale e che aiuta l’abbronzatura. I macerati oleosi, invece, sono perfetti da aggiungere alla tua abituale crema o allo struccante.

Le teste delle carote possono inoltre essere piantate per veder germogliare una nuova piantina.

Gli steli e le foglie, cotti in acqua bollente e aggiungendo un pizzico di allume, creeranno un colorante giallo naturale, da usare per i tuoi lavoretti fai da te.

In cucina, le bucce sono perfette per preparare marmellate, biscotti, torte e chutney.

Infine, lo sapevi che friggendo le bucce delle carote e servendole come aperitivo potrai offrire ai tuoi ospiti un finger food croccante e diverso dal solito? Potrebbe essere un’alternativa alle classiche patatine fritte e puoi servirle anche come contorno.


Potrebbe interessarti anche:
Come riciclare la buccia della frutta
Come riciclare le saponette avanzate
Come riciclare l’uovo di Pasqua avanzato

Unisciti al nostro gruppo Facebook e scopri altri consigli per risparmiare!