Frigorifero: 5 consigli per risparmiare

In casa ci sono moltissimi modi per risparmiare, alcuni più conosciuti, altri un po’ meno. Oggi ti parlerò di come risparmiare sul costo e sui consumi di un elettrodomestico sempre acceso, di costante utilizzo: il frigorifero.

Risparmia sul consumo il tuo frigorifero

Il frigorifero, a parte alcune occasioni come le vacanze è sempre acceso, viene utilizzato di continuo e questo è il motivo per cui bisogna utilizzarlo attentamente se si vuole evitare di avere cattive sorprese in bolletta.

Ma esistono alcune semplici accortezze che ci aiuteranno a risparmiare, sia in fatto di consumi, sia in fatto di longevità dell’apparecchio, evitando eventuali interventi per aggiustare i malfunzionamenti.

Usare bene il frigorifero, infine, ti consentirà di evitare sprechi, conservando meglio i tuoi alimenti in modo che non vadano a male. Quindi, ecco 5 modi per ottenere tutto questo!

Temperatura: il primo, importante fattore da tenere d’occhio è la temperatura. Un frigo troppo freddo o troppo caldo rovina gli alimenti e ti fa consumare di più. L’ideale è tenerlo tra i 4 e gli 0 gradi. Così facendo, puoi allungare fino a 3 giorni la vita dei tuoi cibi!

Non sovraccaricarlo: un frigo troppo pieno fa fatica a raffreddare tutti gli alimenti, causando un aumento del consumo e degli sprechi. Alcune verdure, diversi tipi di frutta, il pane e le uova non vanno messi subito in frigo, ma in dispensa. Anche il latte a lunga conservazione può essere conservato fuori dal frigorifero, ma solo quando è chiuso. Se hai dubbi su cosa si possa conservare in dispensa e cosa no, fermati a riflettere su dove sono stati collocati nel supermercato.

Congelatore: il congelatore è davvero molto utile per risparmiare sulla spesa in quanto ti consente di poter conservare per diverso tempo avanzi di cibo, sughi preparati in grandi quantità, carne, pesce e persino il pane. Utilizzalo con sapienza ogni volta che puoi, risparmierai anche tempo in cucina!

Le porte del frigo: i ripiani posti sulle porte del frigo sono quelli più soggetti a sbalzi di temperatura. Quindi non sono adatti per conservare cibi particolarmente delicati come le uova, i latticini o la carne. Meglio metterci prodotti meno “sensibili” come le bevande e i condimenti.

Corretta disposizione dei ripiani: infine eccoci ad una delle domande che ci si pone più spesso, ossia quella sulla corretta disposizione degli alimenti nei ripiani del frigo. La carne e il pesce vanno messi nel reparto inferiore, in modo che non possano sgocciolare sugli altri alimenti. Per i latticini e i prodotti caseari, invece, meglio il reparto centrale, più freddo rispetto agli altri.

Unisciti al nostro gruppo Facebook e scopri altri consigli per risparmiare!
Frigorifero: 5 consigli per risparmiare