Diventa tester Phyto prodotti per capelli

Abbiamo scovato per voi un’altra bella iniziativa, condividerla però non è molto semplice. Il Phyto sta cercando delle persone per testare dei prodotti per capelli. Ecco come funziona.

Diventa tester Phyto prodotti per capelli

Scorrendo la bacheca di Facebook in cerca di nuove promozioni da condividere con i nostri lettori, abbiamo trovato una notizia sponsorizzata che purtroppo non risciamo a condividere con tutti in quanto, appunto, notizia sponsorizzata.

La promozione riporta:

Ami prenderti cura dei tuoi capelli? Rispondi al questionario e candidati* per diventare una tester dei prodotti Phyto!

Questa è l’immagine dell’inserzione pubblicitaria:

tester prodotti Phyto

Cliccando sul pulsante “Iscriviti” si apre un form direttamente su Facebook che vi invita a compilare il vostro profilo con alcune domande relative ai tuoi capelli. Completando il questionario avrete la possibilità di essere selezionati come tester per provare i prodotti per capelli del marchio Phyto.

Per poter trovare l’offerta quindi, provate in questo modo:

– Controllate la vostra bacheca Facebook per vedere se vi compare la spessa inserzione, oppure

Provate a seguire questo link e dovreste visualizzare l’offerta (non siamo sicuri che possiate visualizzarla).

Ci fate sapere se riuscirete a inviare la vostra candidatura? Noi ci auguriamo di si!

3 Commenti

Che ne pensi? Lascia un commento
  1. Mi sono riuscita ad iscrivere anche se una volta chiusa la pagina non parla del test, comunque adesso vediamo cosa succede Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Written by Simona Bondi

Simona Bondi è l'autrice del sito DimmiCosaCerchi.it. Fondato nel 2008, mi occupo di risparmio fornendo utili consigli per risparmiare su ogni cosa: dalla spesa, alla casa, ai soldi in banca. Oltre a scrivere su queste pagine, creo articoli anche per Dilei.it. Occasionalmente, ho partecipato ad alcune trasmissioni come "Mi manda Rai Tre". I nostri lettori hanno raccontato le pazze spese anche su altri canali televisivi.