Cashback Autostrade: come funziona il rimborso pedaggio

Il Cashback Autostrade prevede il rimborso del pedaggio per tutti quegli automobilisti che si troveranno a dover fare i conti con rallentamenti e code in autostrada, a causa dei cantieri. Autostrade ha infatti iniziato i lavori di ammodernamento della rete stradale, con inevitabili disagi per chi si trova a percorrere i tratti interessati che rischia di trovarsi imbottigliato per ore. Per rimediare la società ha pensato ad un indennizzo. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e chi ne avrà diritto.

Pubblicità

Rimborsi pedaggio per disagi da cantieri autostradali

La notizia era trapelata già a fine giugno. A ipotizzare la possibilità di ottenere un rimborso per code e ritardi causati dai cantieri era stato lo stesso amministratore delegato di Autostrade per l’Italia Roberto Tomasi. Fino ad ora però non erano state rese note le modalità in cui sarebbe stato erogato.

La cifra stanziata per il Cashback di Autostrade ammonta a 250 milioni di euro. Per ottenere il rimborso non sarà sufficiente trovare un cantiere qualsiasi. Vi sono infatti determinate categorie di lavori che possono far scattare il diritto al rimborso, che scatta quando sono in corso opere di restringimento della carreggiata o che riducono di una corsia il tratto autostradale. Non possono invece essere considerati cantieri validi per il diritto al rimborso quelli che ad esempio vengono istituiti per l’allargamento di corsie, che in genere non provocano code o rallentamenti.

L’automobilista o il conducente di mezzi pesanti che si troverà a percorrere i tratti incriminati si vedrà riconosciuto il rimborso di tutto il pedaggio (e non solo quello relativo alla tratta) se i tempi di percorrenza risulteranno notevolmente superiori a quelli medi. Per il calcolo delle tempistiche medie di viaggio Autostrade considererà un velocità pari a 100 km/h per i veicoli e 70 km/h per i mezzi pesanti. Facciamo un esempio: il pendolare che percorre ogni giorno il tratto interessato dai lavori in corso con un tempo medio di percorrenza di 20 minuti, potrà ottenere il cashback con un ritardo di 15 minuti.

Pubblicità:

Come ottenere il Casback Autostradale

Per il momento Autostrade ha avviato il progetto in via sperimentale con 6.000 utenti. A partire da metà settembre la procedura sarà aperta a tutti.

Per calcolare il ritardo vengono incrociati i dati pervenuti da Google Maps con quelli relativi alla presenza di cantieri, e confrontati con orari di entrata e uscita degli automobilisti. Se la procedura è automatica per coloro che utilizzano il Telepass o la carta di credito, per tutti gli altri è necessario scaricare l’App Free to X da utilizzare per inviare foto dello scontrino.

Rimborso pedaggi per disagi da cantiere: le proteste delle associazioni di categoria

Nel frattempo non sono mancate le proteste di alcune associazioni di categoria. Il Codacons ha ribadito che il Cashback Autostrade è un’operazione di indennizzo che avrebbe dovuto essere stata resa immediatamente disponibile per tutti. Agosto, come sappiamo, è un mese in cui molte famiglie italiane si spostano per raggiungere le località di villeggiatura e i disagi che si troveranno ad affrontare dovrebbero dare loro diritto al rimborso.

Per Assoutenti invece il principale scoglio da risolvere nella questione Cashback Autostrade riguarda la privacy. Per ottenere il rimborso è necessario fornire ad Autostrade dati sensibili, come i propri spostamenti immettendoli nell’App. Se però pensiamo che circa il 62% degli automobilisti paga il pedaggio con Telepass, a cui si aggiunge il 23% di automobilisti che usa la carta di credito, appare evidente che l‘85% degli utenti si vedrebbe riconosciuto il diritto al rimborso in automatico senza presentare nessuna richiesta (e senza fornire alcun dato sensibile).

Non hai un conto corrente? Richiedi la carta HYPE: è prepagata, dotata di IBAN (quindi può ricevere anche bonifici) e la utilizzo anche per ricevere i cashback dei prodotti come questo!

Di sicuro la nuova iniziativa di Autostrade servirà almeno a rendere un po’ meno amara l’esperienza di coloro che si ritrovano incolonnati in lunghe code.

Non perdere anche la sezione dedicata a tutti i Provami gratis!

↪ Vuoi risparmiare di più? Unisciti al nostro gruppo Facebook oppure seguici su Telegram! Puoi anche iscriverti alla Newsletter del Risparmio: potrai scaricare subito un e-book e ricevere ogni settimana le migliori offerte nella tua e-mail!