Riciclo Intimissimi 2015: ricicla i capi e risparmia

Anche per questa metà del 2015, Intimissimi rinnova il suo impegno verso il riciclo e ti permette di ottenere sconti sugli acquisti in cambio vecchi capi di intimo e di abbigliamento.

Ottieni sconti riciclando con Intimissimi

Dal 14 Settembre 2015 e fino al 31 Dicembre, Intimissimi rinnova l’iniziativa “Riciclare Conviene“: una fantastica opportunità per i clienti di risparmiare sull’acquisto di nuovi capi, riciclando quelli vecchi. Tutti i clienti che porteranno nei negozi Intimissimi presenti nel territorio nazionale dei vecchi capi di abbigliamento, riceveranno degli sconti che potranno utilizzare in negozio.

Leggi anche: Buono sconto Amazon: 15€ in regalo

Gli sconti che potrete ottenere sono i seguenti e variano a seconda del capo riciclato:

  • Un reggiseno vale 3 €
  • La maglieria vale 2 €
  • I pigiami 2 €
  • Gli Slip 1 €

I buoni sconto ottenuti con il riciclo saranno cumulabili ma potranno farvi risparmiare un massimo del 20% sul valore della vostra spesa. Gli sconti potranno essere utilizzati esclusivamente nei negozi fisici (non online) e non potranno essere appicati sui capi in promozione o in saldo.

Quali capi posso riciclare con Intimissimi?

Potrai portare in negozio tutti i capi di abbigliamento e intimo in vendita nei negozio del marchio (slip, maglie, pantaloni, reggiseni, pigiami, leggins, ecc…) in qualsiasi stato e di qualsiasi marca. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la pagina dedicata all’iniziativa.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Written by Simona Bondi

Simona Bondi è l'autrice del sito DimmiCosaCerchi.it. Fondato nel 2008, mi occupo di risparmio fornendo utili consigli per risparmiare su ogni cosa: dalla spesa, alla casa, ai soldi in banca. Oltre a scrivere su queste pagine, creo articoli anche per Dilei.it. Occasionalmente, ho partecipato ad alcune trasmissioni come "Mi manda Rai Tre". I nostri lettori hanno raccontato le pazze spese anche su altri canali televisivi.