La Mimosa: scopriamo di più su questa pianta

Viene comunemente regalata l’8 marzo per festeggiare la festa della donna, ma la mimosa è anche una splendida pianta ornamentale, ideale da piantare in giardino.

Le caratteristiche della mimosa

La mimosa appartiene alla famiglia delle Mimosacee. Fiorisce in genere tra la fine di gennaio e gli inizi di marzo (a seconda delle temperature) e ha dei fiori gialli molto delicati e con un intenso profumo. La pianta è originaria della zona compresa tra l’Australia e la Tasmania, ma si è adattata perfettamente al clima europeo.

I rami di mimosa raccolti si conservano per alcuni giorni e, per mantenere i fiori freschi più a lungo, è bene immergere il ramo in acqua acidulata con delle gocce di succo di limone.

La mimosa nel linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori la mimosa simboleggia sensibilità, innocenza e libertà. Tra gli Indiani d’America, invece, questa pianta dai fiori delicati ma molto resistente e capace di crescere anche in terreni difficili, era associata a femminilità e forza.

Scopri lo speciale dedicato alla festa della Donna

Perché viene usata per celebrare l’8 marzo

Quando si parla di mimosa l’associazione più immediata è con la festa della donna. Questo fiore è un po’ il simbolo della festa e viene offerto a tutte le donne. La prima volta che è stato utilizzato un ramo di mimosa per festeggiare l’8 marzo è stato nel 1946, per iniziativa della parlamentare Teresa Mattei, che lo ha scelto in virtù della sua semplicità e della sua diffusione.

1 Commento

Che ne pensi? Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Written by Simona Bondi

Simona Bondi è l'autrice del sito DimmiCosaCerchi.it. Fondato nel 2008, mi occupo di risparmio fornendo utili consigli per risparmiare su ogni cosa: dalla spesa, alla casa, ai soldi in banca. Oltre a scrivere su queste pagine, creo articoli anche per Dilei.it. Occasionalmente, ho partecipato ad alcune trasmissioni come "Mi manda Rai Tre". I nostri lettori hanno raccontato le pazze spese anche su altri canali televisivi.