,

Risparmiare quando nasce un bambino

Come risparmiare quando nasce un bambino? Finalmente, dopo mesi e mesi di attesa il test di gravidanza vi ha mostrato un esito positivo: finalmente sei incinta! Ma è una prassi quasi comune per tutte le coppie, dopo il primo momento di euforia essere assiliti da mille dubbi: riuscirò a crescere questo bambino?

Non preoccuparti; è una cosa assolutamente comune, soprattutto se questa è la tua prima gravidanza. Scopri insieme a noi tanti piccoli trucchietti che ti aiuteranno a risparmiare e crescere in serenità il tuo bimbo!

Come risparmiare sui pannolini

Ci sono molte aziende, come Huggies, che offrono la possibilità di richiedere dei campioni omaggio dei loro pannolini. Tutto aiuta a risparmiare e soprattutto a partire! Richiedi fin da subito i campioni omaggio disponibili al momento:

A metà gravidanza, una volta saputo il sesso del tuo bambino, puoi iniziare a guardarti intorno e fare scorta di pannolini quando li troverai in offerta nei tuoi punti vendita preferiti. Ricorda che i pannolini a taglia 0 (quelli per i bimbi appena nati) ti serviranno solo per poche settimane, non esagerare con la scorta!

Come risparmiare sull’abbigliamento da neonato

Ricorda sempre che, quando diventerai mamma, gli amici ed i familiari sono soliti regalare vestitini per neonati. Cerca di comprare solo il minimo indispensabile prima della nascita del tuo bambino. Potrai sempre acquistare quello che ti serve anche dopo il parto, puntando ad acquisti più mirati e riducendo gli sprechi. Ricorda che non è possibile avere la certezza del peso del bambino fino alla sua nascita; comprare troppi vestitini potrebbe comportare il rischio di non riuscire ad utilizzarli, magari perchè troppo piccoli!

Se hai delle amiche o dei parenti che hanno già affrontato questa avventura, o i tuoi genitori hanno conservato tanti vestitini di quanto eri piccola, non vergognarti a chiederli in prestito! I vestitini per bimbi vengono utilizzati veramente pochissimo proprio perchè i neonati crescono molto in fretta.

Leggi anche: Come imparare a risparmiare

Come risparmiare sull’acquisto del passeggino

Anche questo può essere chiesto in prestito ad un parente o un’amica: in alternativa, puoi provare ad acquistarne uno usato sfogliando i numerosi annunci che puoi trovare sui giornalini della tua città oppure in uno dei numerosi gruppi di vendita che trovi anche su Facebook.

Ricorda che il passeggino sarà il tuo alleato per qualche anno: fai una scelta ponderata valutandone la comodità, la praticità di uso e l’ingombro del passeggino stesso, magari provando a chiuderlo ed a caricarlo nel bagagliaio dell’auto! Se hai poco spazio infatti, potrebbe non starci!

Se hai un Blog, prova a chiedere il prodotto in omaggio in cambio della recensione sul tuo Blog! Ti sembrerà incredibile, ma sono tantissime le aziende disposte ad inviarti una fortnitura di prodotti in cambio di pubblicità! Tentare non nuoce, mal che vada riceverai una risposta negativa.

Leggi anche: Come risparmiare con gli Swap party

Come risparmiare su ciuccio, biberon e tiralatte

Anche questi accessori potrebbero esserti utili dopo la nascita del tuo bambino: capita spesso che in edicola si possano trovare allegati questi oggetti (qui un esempio per il biberon e qui uno per il ciuccio). Quindi ricordati di controllare spesso le riviste specializzate in edicola. Potresti averlo al solo costo della rivista!

Il tiralatte invece, senza necessità di essere acquistato, può anche essere “affittato”: chiedi informazioni nella tua farmacia di fiducia o nel negozio specializzato per neonati più vicino a te!

Leggi anche: 10 consigli per risparmiare sulla spesa alimentare

Come risparmiare sui bavaglini da neonato

Se hai la passione del cucito e/o del ricamo, perchè non provi a farli da sola? Lo abbiamo fatto anche noi, pur senza avere alcuna conoscenza di cucito! Basta tagliare una sagoma di cartone e ritagliare la stoffa che hai scelto ed unire il tutto con una fettuccina! Il lavoro è sicuramente impegnativo, ma tanto ne avrai di tempo libero!

Risparmia con i contributi regionali o statali

E’ sempre bene informarsi presso il comune della propria città di residenza: se siete disoccupati o avete un reddito basso, potrebbero essere disponibili dei contributi per i nuovi nati (a volte consistenti anche ni buoni sconto) che potrebbero darvi un valido aiuto nei primi mesi della vostra nuova vita a tre!

Leggi anche: Make up per mamme, belle in 5 minuti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *