,

Quanto consuma uno stan-by? Se lo sai, lo eviti!

Quanto volte vi sarete chiesti “Quanto consuma lo stan-by” dei vostri elettrodomestici? Sicuramente ne avrete sentito parlare spesso, ma magari, per fretta, non avete mai deciso di approfondire l’argomento. Vi possiamo assicurare che, dopo aver letto questo articolo, non lascerete più un elettrodomestico “con la lucina rossa accesa”. Perchè? Scopriamolo subito insieme!

Stanby degli elettrodomestici: quanto incidono sulla bolletta elettrica?

Vi sembrerà incredibile, eppure quella piccola lucetta rossa emessa dal vostro televisore o dal vostro stereo fa salire la vostra spesa annuale relativa ai consumi energetici per una cifra che si aggira agli 80 euro annui.

Ed il vostro pc, sempre acceso per pigrizia, quanto consuma? Non spegnere il pc (per lo meno la sera o comunque quando non viene utilizzato) vi costa ben 120 euro di energia elettrica ogni anno! Sono cifre piuttosto importanti vero? 200 euro (circa) all’anno consumato solo dallo stand-by del vostro televisore e dal vostro pc sempre acceso.

Poco più di 33 euro a bolletta letteralmente sprecati, buttati via. Secondo una recente indagine infatti, gli apparecchi “apparentemente spenti” consumano in realtà l’11% dell’energia che utilizziamo. Prendere provvedimenti significa quindi ridurre la vostra spesa annuale di energia del 10/11%.

Quali sono gli elettrodomestici che consumano di più in stan-by?

Secondo le fonti reperite in rete, al primo posto si troverebbero le consolle dei videogiochi, che inciderebbero sulla vostra bolletta per una spesa annuale di ben 250 euro, seguite da stampanti laser e fotocopiatrici. Eppure basterebbe davvero poco per risparmiare sulla bolletta: terminato il loro utilizzo, meglio spegnere questi apparecchi e staccare la spina, l’unico modo efficace per evitare lo spreco di energia causato dalla lucina del loro stand-by.

Al secondo posto del podio si trovano apparecchi “succhia-energia” come forni elettrici e carica batteria dei cellulari, che possono incidere per una spesa annuale di 120 euro. Una volta ricaricato il vostro smartphone quindi, meglio scollegare il carica batteria dalla presa elettrica.

A conti fatti, tutti questi apparecchi elettrici anche se in modalità stan-by – è stato stimato da Avvenia – influisce sulla vostra bolletta per una cifra che arriva a toccare (ed a superare in alcuni casi) i 400 euro annuali. 66 euro al mese regalati al vostro fornitore di energia elettrica.

Come rimediare a questi sprechi?

In commercio esistono delle “ciabatte” (spine multiple) in grado di staccare la corrente a tutti gli apparecchi ad essa collegati, con un semplice click ed hanno un costo medio di circa 20/25 euro.

In alternativa, rimane il caro vecchio sistema: staccare la spina a tutti gli elettrodomestici inutilizzati. Il sistema sarà pure una scocciatura, ma quando a fine anno vi trovere 400 euro in più nel vostro conto, sarete ben felici del risparmio ottenuto.

Vai alla lettura di: Come risparmiare in modo concreto (funziona!)

1 Commento

Che ne pensi? Lascia un commento
  1. Consigli davvero ottimi.
    A volte con piccoli gesti possiamo ottenere grandi risultati, e basterebbe così poco…
    Aggiungo solo una cosa a quanto già detto in questo bell’articolo: sostituire tutte le lampadine!
    Sostituendo in tutta la casa le lampadine tradizionali (che succhiano parecchia energia) con quelle a basso consumo o a led, il risparmio annuo di circa 400 euro può addirittura raddoppiare. E scusate se è poco…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *