, ,

Il concorso che vorrei: e tu, come lo vorresti?

Diciamoci la verità: ci sono concorsi che ci piacciono, concorsi che ci “stra-piacciono”, concorsi difficili da comprendere, concorsi complessi da portare a termine e… concorsi poco convenienti per i consumatori!

E tu, come vorresti il concorso perfetto?

Abbiamo deciso di dare voce ai consumatori in un articolo dedicato proprio alle vostre preferenze: le aziende ci leggono (ci leggono eccome!) e questo potrebbe essere un buon punto di riferimento per aprire una sorta di “dialogo” fra aziende e consumatori.

Partecipiamo ai concorsi a premi dal lontano 2008 (si va per gli 8 anni!) e possiamo dire di averne visto davvero di tutte le tipologie: concorsi di sorte ad estrazione, a vincita immediata, concorsi interattivi, concorsi su Facebook, concorsi a punti e chi più ne ha, più ne metta.

Ma quali sono i concorsi e le promozioni che proprio odiate?

Per quanto riguarda i concorsi:

Dopo tanti anni di esperienza, possiamo affermare con certezza che i consumatori ODIANO i concorsi a classifica: i partecipanti che non hanno molti contatti fra gli amici, partono sempre svantaggiati e sono “disincentivati” nella partecipazione (siete d’accordo con la nostra affermazione?). Ed alla fine il pensiero comune è sempre quello: “Tanto vincono sempre gli stessi”.

Non tutti i consumatori poi apprezzano i concorsi su Facebook, per svariati motivi: il primo è che (ovviamente!) non tutti possiedono un profilo e, anche se decidono di crearne uno per l’occasione sono esclusi da una possibile vincita in quanto l’account deve essere precedente al concorso.

Il secondo motivo è che per regolamento è necessario partecipare al concorso con il proprio account Facebook che deve avere un nome e cognome reali: diciamoci la verità, non tutti amano mettere i propri dati reali su Facebook…

stellina Clicca qui e lascia subito la tua opinione!

Per quanto riguarda le promozioni:

Siamo nell’era digitale ecchecavolo! Basta con questi scontrini da spedire e cerchiamo di permettere ai partecipanti di caricare una scansione o una foto dello scontrino, come stanno facendo diverse aziende in questi ultimi mesi. Il consumatore abbatte i costi di partecipazione ed è sicuramente invogliato a prendere parte ad un concorso anche più volte.

Inoltre, è impensabile richiedere la spedizione di una raccomandata per un premio il cui valore supera di poco il costo della raccomandata stessa! Noi per esempio abbiamo rinunciato ad un telo Mentadent vinto proprio a casa del suo valore “esiguo”: fra costo della raccomandata e la coda in posta… per un “guadagno” di circa 3€ abbiamo preferito perdere il premio (e siamo sicuri che tanti altri utenti avranno fatto lo stesso).

Come dovrebbe essere il concorso perfetto?

Abbiamo qui sopra espresso quelli che sono i “malesseri generali” dei consumatori di cui siamo a conoscenza per esperienza diretta o per le vostre testimonianze riportate dai numerosi commenti nella nostra community.

Adesso tocca a voi: lasciateci un commento a questo articolo riportando la vostra esperienza e cosa vi piace (o non vi piace) quando partecupate ad una promozione!

Diamo spazio alla voce dei consumatori: voi approfittatene per farvi sentire!

12 Commenti

Che ne pensi? Lascia un commento
  1. …Non mi piacciono neanche i concorsi dove si vincono buoni sconto, gift, o cose “strane” (x es. spotify…nintendo…) che ne neanche so cosa siano. Preferisco i giochi dove ci sono in palio più premi (anche stupidi) quindi ci sono più possibilità di vincita, rispetto a quelli dove c’è in palio magari un macchinone (che nessuno vincerà mai …)

  2. Concordo con i concorsi dal premio sicuro. .partecipando comodamente da casa senza inviare le buste.. odio i concorsi con classifica. 🙂

  3. Argomento interessantissimo. Io non partecipo ai giochi dove ci sono classifiche e accumulo di punti, dove è richiesta una foto, un video, dove si vincono viaggi e smart box, dove si consumano troppi giga internet, dove OGNI VOLTA che si gioca si deve compilare il form con tutti i propri dati, quelli in cui è richiesto di “importunare” i propri amici su facebook (non voglio di certo farmi odiare coinvolgendo di continuo gli amici in giochetti demenziali, a parte che su facebook non uso nome e cognome reali. Ovviamente è fastidioso anche dover fare la raccomandata di eventuali scontrini e doc. d’identità. Infine, li istant win giornalieri (detesto i giochetti OPS) son del’idea che creino dipendenza, non mi piacciono molto, meglio giocare una volta sola, e meglio ancora se è prevista una semplicissima ESTRAZIONE FINALE, cosi’ da partecipare una sola volta e affidarsi onestamente alla fortuna.

  4. In generale non mi piacciono i concorsi per cui devo mandare foto normalmente li scarto. Per quanto riguarda gli scontrini non tutti a casa abbiamo lo scanner secondo me dovrebbe bastare riportare il numero stampato con la data e l’importo e richiedere l’invio solo per premi “importanti”. Per il resto adoro gli istant win

  5. Per chi come me ha famiglia numerosa, buoni sconto da spedire a casa visto che non tutti hanno la stampante

  6. Concordo, non amo inviare foto personali o selfie. Non sopporto il tot giorni entro cui inviare lo scontrino. Vorrei un po’ di tempo in più. Vorrei che i punti vendita aderenti fossero presenti nel regolamento o sul sito del concorso.

    P.S. Introvabile a Lecce il tripacco General con la promozione “Vinci il cinema”.

  7. a parte che mi piacerebbe vincere, cosa fin’ora non avvenuta, odio i selfie- concorso, non sempre cisentiamo presentabili,

  8. Io detesto i concorsi in cui bisogna inviare foto e video. Non mi piace fare i selfie e tanto meno pubblicarli sui siti più disparati. Sono d’accordo sulla scansione degli scontrini per partecipare alle varie attività, basta spendere soldi in raccomandate!

  9. Condivido che odio i concorsi in cui vincono quelli che ricevono più voti da parte degli “amici”.. ci ho provato qualche volta, e io dovevo sudare ogni singolo voto, altri in poche ore ne avevano migliaia.. Mi piacciono i concorsi creativi con giuria, perché adoro creare elaborati, e mi piace che non sia solo questione di fortuna. E da quando sono diventata mamma non partecipo ai concorsi che mettono in palio viaggi per due.. non sarebbe meglio un buono viaggio da spendere online (su expedia, volagratis, booking, o dove volete voi), in modo che chi deve obbligatoriamente portarsi dietro la prole possa partecipare?

  10. Mi piacerebbe un concorso che ti permettesse di vincere una casa o un lavoro.
    Ambito territoriale: tutta Europa (ossia con la possibilità di scegliere la casa o il lavoro in qualsiasi città dell’Unione europea).
    Proposta troppo ambiziosa? Può darsi!
    Ma, a mio parere, non impossibile da realizzare.
    Secondo me, proporre un concorso con una vincita del genere rivoluzionerebbe il “mondo dei concorsi a premi” conferendo nello stesso tempo maggiore credibilità a questo genere di iniziative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *