Come ridurre il costo della bolletta Enel

ADV

Da Gennaio 2012 è entrata in vigore a tutti gli effetti la tariffa bioraria di Enel.

Per alcuni consumatori questo a portato ad un notevole risparmio in bolletta, ma per altri, come nel mio caso, le bollette hanno visto triplicare i suoi importi nel giro di pochi mesi.

Ad Aprile ci sarà un nuovo aumento del costo dell'energia, che dovrebbe essere seguito da un ulteriore rincaro nel mese di Maggio 2012.

Meglio prepararsi prima no?

Ecco quindi un utile articolo per non trovare più sorprese in bolletta.

Anzitutto cerchiamo di capire quali sono le fascie orarie di maggiore e minore consumo:

Come potete vedere dalla tabella riportata sopra, le fascie di consumo a minor prezzo sono quelle che vanno dalle 0.00 alle ore 8.00, e dalle 19.00 alle ore 24.00 dei giorni feriali (ossia lavorativi).

Si paga meno anche nei giorni festivi, il sabato e la domenica (24 ore su 24).

Quindi dovrete concentrare i consumi nelle fascie “verdi” per spendere di meno. Lavatrici, essiccatori, lavastoviglie, ferro da stiro…. Dovranno essere concentrati negli orari dalle 19.00 in poi, oppure nelle prime ore del mattino (entro le ore 08.00) o ancora nei fine settimana.

Ma quali sono gli elettrodomestici a maggior consumo di uso comune?

Abbiamo fatto una ricerca ed abbiamo stilato per voi una lista degli elettrodomestici ed altri apparecchi elettrici di uso più comune per capirne il consumo elettrico:

Computer: 200 watt

Se acceso 24 ore al giorno, il suo costo energetico è di 278 € annui circa.

Asciuga biancheria: 3000 watt

Se utilizzato 2 volte alla settimana per un totale di 3 ore, il suo costo energetico è di 74 € annui circa.

Aspirapolvere: 1000 watt

Se utilizzato due volte alla settimana, il suo costo energetico è di 17 € annui circa.

Lavastoviglie: 3000 watt

Se utilizzata una volta al giorno, il suo costo energetico è di 74 € annui circa.

Lavatrice: 3000 watt

Se utilizzata tutti i giorni, il suo costo energetico è di 347 € annui circa (quasi 1€ al giorno!)

I dati relativi ai consumi sono solo indicativi, possono variare a seconda della marca e del modello e sono stati calcolati tenendo conto della fascia a maggior costo energetico.

Come risparmiare quindi sulla bolletta elettrica?

Concentrando i consumi nelle fascie a minor costo la bolletta sarà sicuramente più leggera.

Sostituire i vecchi elettrodomestici con modelli più efficienti e a basso consumo potrebbe essere una scelta davvero risparmiosa!

Un elettrodomestico di fascia A+++ consuma fino al 50% in meno di uno in classe A+, mentre un elettrodomestico in fascia A++ consuma circa il 25% in meno di uno in fascia A.

Anche se non consumano apparentemente molto, staccate gli elettrodomestici che restano in Stand By se non sono utilizzati (hi-fi, lettori dvd, carica batteria vari, ecc..).

Sostituite le vecchie lampadine ad incandescenza con quelle alogene a risparmio energetico; consumano fino al 30% in meno, hanno una uguale resa in quanto ad illuminazione e durano molti anni in più a vantaggio dell'ambiente e delle vostre tasche.

A conti fatti si risparmia parecchio no?

 

Comments

Seguici via email! Iscriviti alla Newsletter del risparmio!

Ti è piaciuto questo post? Seguici su Facebook!

Può interessarti anche

« Codice sconto Glossybox per voi! | Coupon omaggio da MiaFarmacia di Aprile »

Info Autore

DimmiCosaCerchi dal 2008 seleziona per voi le migliori offerte: Campioni omaggio, Concorsi a premio, Buoni sconto ed altre offerte per risparmiare. Simona Bondi - Google +